Obala kralja Petra Krešimira IV 12, 51280 RAB, CROAZIA
+ 385 (0) 51 725 563
sales@arbianahotel.com
  • it
  • de
  • en
  • hr
Eventi

“Rapska fjera” (La fiera arbesana)

Riproponendo i giochi cavallereschi d’origine medievale al suono delle fanfare e con centinaia di figuranti in costume, la Rapska fjera ha il compito di far rivivere il Medioevo erbesano.

La Fiera rievoca nel dettaglio la storia ultracentenaria della città. Il centro storico viene preso d’assalto da figuranti in costume che impersonano nobili, dignitari di corte, artigiani che mostrano la loro abilità per le vie del centro, soldati, cittadini, contadini, carcerati e persino appestati.

Arricchito con una scenografia imponente, il centro storico (capace di rievocare lo spirito dei tempi passati soltanto col proprio aspetto), nei giorni della Fiera, vive davvero la vita del Medioevo. Vedrete dappertutto, nelle vie, nei cortili e negli atri dei palazzi, tanti laboriosi artigiani creare, con la loro abilità manuale, oggetti d’uso fatti con i materiali e gli attrezzi di una volta.

Numerosi figuranti, i cui pittoreschi costumi attirano l’attenzione dei visitatori, provengono dalla Repubblica di San Marino, gemellata a Arbe. Un gemellaggio che da sempre supera ogni barriera, dando vita a rapporti di sincera amicizia tra Arbesani e Sanmarinesi. Con l’intento di far rivivere il passato, i Sanmarinesi partecipano ogni anno con rinnovata passione sia alla Fiera arbesana, sia ai tornei cavallereschi.

 

Il Torneo cavalleresco

Il Torneo cavalleresco riservato ai balestrieri nacque nel lontano 1364, per ricordare e onorare la memoria dei balestrieri che difesero la città e per celebrare s. Cristoforo, patrono di Arbe.

Il torneo fu riproposto nel 1995 e, con esso, tutta una serie di cerimonie medievali.

L’annuncio dei banditori medievali, l’arrivo del principe, il corteo per le vie cittadine e la benedizione dei partecipanti sono soltanto alcuni dei momenti che precedono il vero e proprio torneo.

Il torneo in sé prevede dodici gare di tiro a segno riservate ai balestrieri. Il cavaliere più preciso e più abile nel maneggiare queste armi micidiali, il cui peso si aggira attorno ai 25 kg, vincerà il premio “Felix”.

Come un tempo, il torneo si svolge durante due giornate festive: il 9 maggio (Dies Victoriae) e il 27 luglio (Dies natalis). Negli ultimi anni sono stati introdotti altri due appuntamenti, il 25 giugno e il 15 agosto.

Il divertimento e la vita notturna

I tanti bar, localini e ristoranti della città di Arbe, nel corso dell’estate, fervono di vita. Con i loro ambienti eterogenei, pieni di gran personalità e carattere, perfettamente mimetizzati tra le vie e le case del centro, regalano alla città un’atmosfera particolare e agli ospiti tante occasioni di piacere e relax.

A parte quelli più silenziosi e riservati, ideali per meditare o chiacchierare, Arbe offre anche locali romanticissimi per trascorrere momenti indimenticabili con la propria metà, oppure locali affollati con musica a palla e tanto divertimento. Ad Arbe, insomma, ciascun ospite troverà non uno, ma tanti locali per il divertimento a cui resterà legato per sempre.

Tappa obbligata di ogni visita alla città sono le sue trattorie (konobe) e i suoi ristoranti di mare, specializzati nella cucina tipica del luogo. Ma è davvero tutta l’isola ad offrire ai buongustai tante opportunità per godere della cucina isolana. Senza dimenticare che la laboriosa gente di Arbe, oltre al turismo, è dedita anche alla pesca e all’agricoltura. E dunque i frutti della terra e del mare, proposti in varie forme come specialità gastronomiche tipiche, sono coltivati e pescati secondo tecniche tradizionali in un ambiente ecologicamente ancora intatto.